domenica 16 giugno 2013

E.Toti - il sapore del tempo che fu.. (Gragnano)

Prima di iniziare questa nuova avventura mangereccia, vi lancio..una domanda: chi è il personaggio raffigVrato nell'immagine-santino-patriottico sottostante?

(Risposta in calce, a tergo, insomma in fondo al post..ehm)

Dopo un camminata mattutina sotto il sole radioattivo di Pescia, direzione (desolante) mercato cittadino-barattolidacciughe-polloarrosto-stoccafissopuzzone-lanolinacinese-drappivellutatidaarabaobesa-et similie e un pomeriggio barricati (molto meglio) in casa nella più rilassante è gotìa penombra (eh sì..E' ARRIVATA L'ESTATE), verso sera insieme alla fame, forse ispirati da Lui claVdicante da qualche giorno, ci viene in soccorso una brillante idea..IL TOTI!

Prenotiamo (0583975711) e ci prepariamo a uscire.

Entriamo in questa Antica Cantina del XVII secolo (antica per davvero, non tanto per dire) in cui ci da il benvenuto un bel fresco (portatevi un golfino anche sei ci andate in piena estate) e un'atmosfera che causa un serio DISLOCAMENTO TEMPORALE...
Capita di immaginarsi nelle segrete di un castello in attesa di essere torturati dall'Inquisizione o in una taverna ottocentesca piena di carbonari cospiratori, oppure in un rifugio antiereo a bere l'ennesimo ultimo bicchiere...
Come direbbe la scrittrice Barbara Alberti: "SPLENDIDO!!"

Insieme al coperto ci vengono serviti olive, formaggio e salamino piccante, davvero buoni (2 euro a zucca). Da bere prendiamo una bottiglia d'acqua e un quartino di rosso per Lui, la cantina vende
anche il vino..ma dai! Siamo in zona Montecarlo, almeno il vino non può deluderci..

Come antipasto possiamo scegliere un misto (5 euro) con salumi, crostini, sformato di fagiolini
e trusca. Avendo deciso di stare leggeri e di lasciar un posticino per il dolce, prendiamo gli ultimi due (1,50 euro cadauno). La trusca è una composizione di verdure tagliate sottilissime e sovrapposte con patate, carote, cipolle, pomodoro e origano. Un piatto semplice, probabilmente cotto al vapore ma dal gusto davvero unico che ricorda la pizza ma molto più salutare.

Una delle caratteristiche del locale è la possibilità di poter scegliere la mezza porzione per ogni portata, in questo modo si soddisfa il palato e il..portafoglio! Tra i primi piatti, Lei sceglie una mezza porzione di trofie alla salsiccia, caciocavallo, pomodorini secchi (3 euro) e una di testaroli al sugo di funghi porcini (3,25 euro). Per chi non conoscesse i testaroli, sono un piatto tipico della Lunigiana, in pratica una pasta ottenuta solo con acqua e farina cotta su dei dischi in pietra chiamati testi (giusto Sunshine?).
Le trofie sono ottime e saporite, un piatto non leggero ma è un vero piacere da gustare; il testarolo ai porcini è genuino, con una salsa di pomodoro e prezzemolo leggera e non troppo invadente, versione estiva di un primo con i funghi. La mezza porzione sazia ed equivale a una tipica da ristorante "sega" (o di medio-alto prezzo se preferite), tanto che Lui se ne approfitta spudoratamente pur avendo deciso di saltare il primo (quel volpino!).

Arriva il secondo piatto! Solo per Lui, baccalà alla mediterranea,  in umido con pomodorini pachini, capperi e olive nere (7,80 euro) davvero una bomba a suo giudizio, porzione abbondante
e appetitosa:

Baccalà alla mediterranea

 Il tutto servito con patate arrosto (2 euro) croccanti e appetitose..

E finalmente il dessert: scegliamo le due proposte di loro produzione, la crostata di ricotta e ciliege (2,50 euro), raffinata e non scontata come uno potrebbe pensare e il piattoforte al caffè (3 euro) un dolce che ci riporta all'infanzia, biscotti inzuppati nel caffè guarniti da crema pasticciera e crema al cacao, il tutto con una rassicurante grattugiata di cioccolato fondente.

Totale 33,60 euro, vista la qualità dei piatti, i tempi di servizio più che giusti considerando che il locale era pieno (sabato sera) e l'ambiente che abbiamo descritto siamo più che soddisfatti! Grazie Toti ;D




(Facce da paranza!)

Per maggiori informazioni E.Toti - Cantina - Ristoro

Se ci andate per pranzo vi consigliamo una bella camminata: passando per la vecchia via Francigena si arriva alla secolare Farnia delle Streghe o Quercione di Pinocchio, un vero e proprio monumento nazionale su cui trovate informazioni anche qua!


E ora..la risposta al quiz di inizio post che ci parla del personaggio con la stampella e che vi avrà tenute col fiato sospeso fin qua:

"In pieno giorno" dice Ulderico Piferi " superammo lo sbarramento nemico allo scoperto". Alle quindici circa del 6 agosto 1916 arrivammo a quota 85 (quella che sovrasta il cimitero di Redipuglia). Venne subito l'ordine d'avanzare ed Enrico era tra i primi. Aveva percorso 50 metri quando una prima pallottola lo raggiunse. M'avvicinai mentre eravamo entrambi allo scoperto. Non ne volle sapere di ripararsi. Continuava a gettare bombe, e per far questo si doveva alzare da terra. Fu così che si prese una seconda pallottola al petto. Pensai che fosse morto. Mi feci sotto tirandolo per una gamba ma questi scalciò. Improvvisamente si risollevò sul busto e afferrata la gruccia la scagliò verso il nemico. Una pallottola, questa volta l'ultima, lo colpì in fronte"
(fonte qua!)

..e Lui che si lamenta per il mal di vita..mah...

24 commenti:

  1. Grandissimo enrico toti, un esempio di coraggio!
    E certo che siete rimasti soddifatti avete mangiato benissimo spendendo quanto a roma pagheresti per uno stuzzicadenti!!
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FRANCESCA:


      abbiamo notizie che a Trastevere esistono ristorantini dove si spende una sciocchezza e si mangia benissimo... ma è vero oppure è una delle tante leggende romane?!
      in effetti dal Toti si sta sempre bene, il menù varia spesso e la qualità è sempre alta, sarebbe bene che tanti posti tirassero un po' meno al soldo e un po'di più alla soddisfazione del cliente e al numero dei coperti!No?!
      Grazie di essere passata!
      baci

      Elimina
    2. guarda sere che a trastevere prendi tante sòle credimi...

      Elimina
    3. Francesca ci credo infatti ...è così anche dalle mie parti, soprattutto nei centri storici trattorie che un tempo erano economiche (e dove si mangiava bene) ora sono più costose dei ristoranti di lusso e offrono davvero poco, meglio tenersene alla larga...

      Elimina
  2. Per tutto quello che avete mangiato avete speso veramente poco!
    Peccato non si noti molto l'atmosfera del ristorante, da come l'hai descritto ero curiosissima!^^ Comunque mi sembra bellissima anche la passeggiata per arrivarci!
    E quella crostata di ricotta e ciliege mi tenta proprio (io non sono una che stravede per i primi, i secondi così così, ma con i dolci non resisto), non l'ho mai assaggiata ma credo che adesso andrò a cercarla solo per sentire di che sa!
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao S. allora sei una super golosa!! Io non impazzisco per le crostate, per via della pasta frolla che ogni tanto trovo noiosa, ma questa era veramente un piacere mangiarla..leggera, fresca, con poca pasta frolla e taaanto ripieno!

      Riguardo l'atmosfera...
      purtroppo quella non si può fotografare...
      ma ti assicuro che appena entri senti l'aria "del tempo che fu", e poi stare dentro questa cantina equivale a lasciarsi davvero alle spalle tutto il resto, il mondo fuori non esiste...
      a noi fa questo effetto, e poi il rapporto qualità/prezzo è davvero buono.

      un'abbraccio

      sere

      Elimina
  3. Che bello posto avete mangiato, molto carino

    http://www.cultureandtrend.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jessica, sono contenta ti piaccia!

      Elimina
  4. tu mi vuoi fare morire con queste recensioni culinarie...io sono uan sensibile al cibo...nel senso che mangio come un maiale.....:)
    paolasophia.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahha!

      allora si va d'accordo! mi diverte prendervi per la gola!! ehehhe

      Elimina
  5. Recensioni con prelibatezze e prezzi interessanti, peccato che abito lontano! ciao Serena :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutti i viaggi che fai prima o poi devi venire anche in Toscana, no???

      Elimina
  6. che prezzi fantastici! mai mangiato tanto a cosi' poco! tra l altro sembra un bel ristorante!

    kiss from pausacioccolata fashion&cosmetics blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Elisa..il posto è davero carino, in più come dicevo a S l'atmosfera non si può fotografare, ma vale la pena...e poi si mangia proprio bene e c' molta scelta..

      Elimina
  7. Wow che meraviglia! Sto ancora pensando alla crostata di ricotta e ciliegie!! Eheh
    Bella per la pancia e per il portafoglio l'idea delle mezza porzioni. Quando sono andata in Andalucia era usanza comune fare le mezze porzioni e sarebbe una bella cosa da importare anche qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mezze porzioni erano usanza anche nostra, ricordi il film "c'eravamo tanto amati"??! La famosa "mezza porzione...abbondante"!!! ehehhee
      però poi è andata in disuso...
      che peccato, perchè permette di poter assaggiare più piatti, oppure di mangiare fuori anche quando si è a dieta o di risparmiare... gran bella cosa!
      Che bella l'Andalusia!!!

      Elimina
  8. Pensi di restare su questo spazio oppure spazi anche su altri fronti? Oggi da me c'è una passeggiata attraverso i più importanti luoghi di culto di Trieste seguendo le trace di Joyce :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo blog è dedicato alla tavola, al cibo, alla ristorazione..per tutto il resto ci sono il "madhouse autoproduzioni" e "la lunga vacanza" che ancora non ho sviluppato come avevo programmato ma...rimedierò!
      buona passeggiata...

      Elimina
  9. ciao sere ho un acquolina in bocca che non ti dico, ottima scelta sia per quanto riguarda i prezzi, che per i sapori... le trofie ai pomodori secchi...le vorrei proprio assaggiare
    xoxo
    vendy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buonissime quelle trofie, poi anche se c'era abbondante formaggio (caciocavallo fuso, non abbiamo fatto tante foto ai piatti perchè...ce ne siamo dimenticati, avevamo saltato il pranzo e la fame era tanta! ehehhe) non mi ha dato fastidio 8sono intollerante ai latticini), si vede che era di genuino!
      comunque è una ricettina da copiare anche a casa, no?!

      Elimina
  10. il personaggio non so proprio chi sia... ma in compenso assaggerei volentieri tutto quello che hai menzionato! baci


    ♥ Margherita ♥

    Frivolezze Provinciali

    FACEBOOK PAGE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ENRICO TOTI eroe della Prima Guerra Mondiale!!!
      allora... buon appetito!

      Elimina
  11. Non sapevo chi era il personaggio raffigurato nell'immagine, però farei volentieri un salto nell'antica cantina ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be, allora questo è un post anche cul-turale oltre che cul-inario!! ehehhe purtroppo la nostra storia è così maltrattata! ci rimane la cucina, approfittiamone finchè non ci tolgono anche le materie prime!!

      Elimina

...buon appetito!